Contenuto principale

Comunicazione in forma circolare n. 323


Agli studenti delle classi 3^ 4^ e 5^ e ai docenti del triennio


Oggetto: Credito formativo

Con riferimento alla normativa sugli esami di Stato, il consiglio di classe attribuisce ad ogni studente, nello scrutinio finale di ciascuno degli ultimi tre anni della scuola secondaria superiore, il Credito Scolastico.
Il punteggio esprime la valutazione del grado di preparazione complessiva, con riguardo al profitto, all’assiduità della frequenza, all’interesse, all’impegno, alla partecipazione alla vita scolastica, comprese le attività integrative del curricolo.
Nel punteggio attribuito per il credito scolastico rientra il Credito Formativo, ottenuto per eventuali esperienze culturali artistiche, sportive, lavorative e di volontariato, da cui derivino competenze coerenti con l’indirizzo degli studi seguiti.
Tali esperienze, acquisite al di fuori della scuola di appartenenza, devono essere relative all’anno scolastico in corso ed essere documentate. L’attestazione deve essere fornita dagli Enti, Associazioni, Istituzioni presso cui lo studente ha prestato la sua opera o studiato e deve contenere una breve descrizione dell’esperienza fatta; in questo modo, il Consiglio di classe potrà valutare la consistenza, la qualità, il valore formativo dell’esperienza ed attribuire, così, il punteggio secondo i criteri di valutazione definiti collegialmente dai Docenti.
La documentazione relativa al credito formativo, deve essere presentata IMPROROGABILMENTE, nelle rispettive segreterie (sez. classica o sez. scientifica), entro SABATO 18 MAGGIO 2019.

E’ ammessa l’autocertificazione nei casi di attività svolte presso Pubbliche Amministrazioni e presso l’istituto musicale “Peri”

TABELLA allegato A L’art. 15 del d.lgs. 62/2017

CREDITO SCOLASTICO
Media dei voti Credito scolastico (Punti)
III anno IV anno V anno
M = 6 7-8 8-9 9-10
6 < M ≤ 7 8-9 9-10 10-11
7 < M ≤ 8 9-10 10-11 11-12
8 < M ≤ 9 10-11 11-12 13-14
9 < M ≤ 10 11-12 12-13 14-15

NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Ai fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente. Sempre ai fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento, concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell’ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l’assiduità della frequenza scolastica, l’interesse e l’impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
f.to Prof.ssa Rossella Crisafi
Firma autografo sostituita a mezzo stampa ai sensi dell'art. 3, comma 2,del D.Lgs. 39/1993